OndAnomala- Istruzioni per l'uso

Gryllos

Satira Albertelliana

Mi rivolgo a chi fra noi studenti (sapete benissimo chi) costituisce la nostra élite, cosicché essi, grazie alla loro popolarità, girino queste istruzioncine a tutti.

Cari Albertelliani, con Ondanomala e i suoi membri potete farci diversissime cose: potete percuotere il redattore che ve lo consegna sulla faccia, sulle gambe, sulle gengive, da soli o in compagnia. Potete anche dargli fuoco se vi pare. Ma se ciò non incontra i vostri gusti (cosa che tuttavia non sono portato a credere), potete strappargli dalle mani tutte o una copia, o pagarla, o prenderla gratis. Non fa differenza. Una volta presa una copia ancora varie possibilità sono davanti a voi (non dite che non ci teniamo alla libertà dei nostri lettori): farne foglietti per copiare, buttarla nel cestino, attaccarci le gomme masticate. Se non avete avuto modo di bruciare il redattore e siete magari delusi, beh consolatevi un po' bruciando il giornale! Ma non è finita qui, signori miei! Potete anche fare un'altra cosa col giornale: leggerlo. E se lo leggete, molte opzioni ancora davanti a voi: chiuderlo dopo una pagina, gridare forte: "Che merda" (non avreste tutti i torti a farlo specialmente quando e se incapperete in questo pseudo-editoriale), apprezzarne gli sporadici oroscopi e chiederne di più, indignarvi perché non ci sono articoli oggettivi. Di quest'ultima cosa, ecco, voglio sinceramente scusarmi: è una vergogna, autentica vergogna, che un simile peccato serpeggi fra la redazione: dir la propria! formulare opinioni! Davvero scusateci se commettiamo il tremendo errore di pensare. Ho finito: vi augurerei buona lettura (o buone alternative che vi ho offerto), ma non so dove sarà il mio articolo, se al principio o alla fine del numero (per la verità siamo molto disorganizzati). Non so neppure se ci sarà. Rendetevi conto: debosciati come siamo, c'è anche chi vorrebbe incrementare il numero di copie fino a 600!

-Gryllos